ultimo amore a Kabul

24 Agosto 2021 Lascia il tuo commento

foto

essere nel mondo

(Polaroid)

 

 


Ecco che tirano su i muri cioè le saracinesche dell’invidia che dovrebbe fermare l’acqua.
  Somiglia alla vicenda di molti accordi sentimentali. Se ti amo non è che sia male e se mi dai rifugio e io creo stanze per riceverti non è un danno verso nessuno.

 

Ma si sono lasciate sviluppare le cose secondo una logica insensata. Poiché l’amore denuncia la violenza delle relazioni infelici deve restare nascosto. E siccome nel nasconderlo non c’è solo protezione ma anche negazione allora inevitabilmente l’odio esce alla luce del sole e bombarda i quartieri periferici dove l’amore si annida.

 

Oggi la calca all’aeroporto lascia vedere bene che i giorni facili sono in fuga e una per una le parole che esaltavano la nostra civiltà si sono trasformate in una popolazione di profughi atterriti e cenciosi: che nessuno pare voler più ascoltare.

 

È certo che le sciagure collettive sono causate dalla inconsistenza etica dei singoli detentori del potere che li spinge a decisioni che non sono ‘fatali’ ma ‘imposte’.

 

Essi mettono in scena il teatro della loro disperazione e la fanno recitare a noi. La loro mentalità diplomatica contiene la malagrazia di anime afflitte da irreversibili perdite e inconfessabili compromessi.

 

Chi resta tira su i ragazzini oltre un muro che confina con il cielo. Sono gesti di un amore non più nascosto che nessuno ha ancora avuto la sfacciataggine di aggredire.

 

La ricerca è di chi, con occhi spalancati da un’insonnia di passione, non smette di proteggere dall’odio quelli che manifestano la felicità del coraggio.


Categoria:

il lato buono della strada
la donna del sogno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.