recitativo di natale con sgrammaticatura in conclusione

25 Dicembre 2019 Lascia il tuo commento

Tutto mi aspetto accada in tua vicinanza. Da non perdermi una parola tua, da non distrarre dal cuore un atomo di calore che non si versi su te, da non pensare di poter pensare che non ti desidero e non mi piaci. Lascio ogni altro esito sulla sedia vuota. Rimetto, a chi mi accompagnava, gli auspici che ebbi in mente: io, che venendo da te, niente più conta.


precarietà delle menti coraggiose
poesia pitagorica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.