quello che porta a te

9 Gennaio 2020 Lascia il tuo commento

(Picasso, 1958)

 

Dovessi farmi venire la nostalgia: beh, sarebbero certe serate estive sul mare durante i miei nove anni. La consapevolezza di me cresceva nell’azzurro quasi buio dei sabati danzanti.

Madri quietamente  ingioiellate mi precipitavano in  una stordita tempesta somatica. Sornione nel plotone di uomini di brillantina. Mai smaniose.

Io ero tuttavia troppo giovane e semplicemente del tutto impreparato ai loro audaci décolleté

La mia estate si svolse da allora sotto una latitudine più estenuante di quella geografica. La mia predilezione per il blu mi fece subito sospettare esistenze ulteriori.

Quello che mi porta a te sono quelle donne e quegli uomini a strusciare lungo mare e la contemporanea variazione del blu che nella mente generavano incerte visioni di un dopo assai più appassionato. 


Tag:

Categoria:

volevo dirti ...
riproposizione 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.