qualcosa di troppo cui siamo arrivati nel gioco di specie

11 Settembre 2021 2 Commenti

“Ti amo” ti scrivo.

 

Questo scrivere è avanzamento e difesa insieme. Decidersi ad amare. Prendere atto di te con l’intenzione non innocente d’essere amato a mia volta e allora, a mia volta, farmi ‘oggetto’ dell’atto speculare involontario e indescrivibile d’un tuo qualche interesse.

 

“Ti amo” ti dico.

 

Ma ogni affermazione è ciò che penso debba significare, più le innumerevoli e imprevedibili attribuzioni di significato e di valore che tu ne darai.

 

“Ti amo” ti ho detto.

 

E niente più torna com’era. Questo vuol dire che dall’età delle pietre il gesto di una mano levata in carezze e parole è casuale e biblico insieme.

 

Il dopo sono montagne di schegge all’arsenale. Schegge opache di pietre tutto attorno a ogni punta di lancia. E ogni punta di lancia è

 

“Ti amo”

 

Dire di amarti è la resa a tutto ciò che c’è di troppo per uno solo. L’amore è materia sovrabbondante che dev’essere (dis)seminata sui campi delle durate.

 

“Ti amo” in verità starebbe per “Non so che dire”

 

Nel pronunciarlo oggi di nuovo alle tue orecchie ho sentito quanto è ruffiano e ambiguo e però carico di umanità.

 

Se dico

 

“Ti amo”

 

è perché c’è qualcosa di troppo cui siamo arrivati nel gioco di specie, e io vorrei arginare quel troppo con una affermazione che abbia la caratteristica di risultare definitiva. Così dico

 

“Ti amo”, affinché quell’eccesso rafforzi il nostro legame invece di stancarlo. E concludo

 

“Ti amo”

 

Ma sono, anche queste, parole di troppo. Solo nell’immobilità e nel silenzio che segue la frase troveranno, m’immagino, la terra adatta alla pianta dei giuramenti mai contradetti.

 

Dovrò accettare* la natura nomade del pensiero che ha per orizzonte la linea d’inchiostro che scrive

 

“Ti amo”….

 

(*)non sono in grado di stabilire se dovrei arrendermi a scegliere la dizione ben differente di ‘tollerare’. 


oro e piombo
presentazione

2 commenti

  • FRISONI MARCELLO says:

    TROPPO.L’HAI SCRITTO IN CORSIVO,NON A CASO. SONO SEMPRE IL GENDARME DELLA MEMORIA . E TI AMO ANCORA,E LI AMO ANCORA.TUTTI.

  • C says:

    Nessun altro posto che non sia questo e così
    (tra queste braccia, non disse lei).
    Solo stare bene
    (tollerando la mancanza di ogni altra parola indispensabile ma comunque parziale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.