portami con te

2 Gennaio 2021 Lascia il tuo commento

foto

una mappa

collezione privata)


Quella volta che la resistenza aveva vinto eppure la canzone diceva

 

“….portami via! portami via!”

 

Era una voce di donna o così mi venne logico pensare al primo ascolto: perché chi è che chiede ad un soldato di portarla via, che non vuol restare e che si sente di morire e non  dev’essere là che accadrà. Io ero certo non potesse trattarsi che di una bella ragazza. Ma non avevamo vinto, quella resistenza? E invece c’era quel ‘di’ morire e io sentivo come imponesse che c’erano le condizioni etiche, una necessità, appunto, di morire. Come se chi canta fosse vincitore e una persona liberata e però sa che morire può diventare di nuovo necessario ad un certo punto, e che vincere non basta, e che di fronte a certi avvenimenti le vittorie non valgono. Non per tutti.

 

Dunque che festa si potrebbe fare ora? Se non celebrare sommessamente la vittoria amorosa, casomai. Allora.

 

“Portami via! Restami vicino!”


*l’amore in relazione all’idea di tempo (nota al testo)
quello che era che va via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.