petrolio nella stiva

20 Marzo 2020 Lascia il tuo commento

Un nostro modo di stare al mondo era stare appoggiati a fumare alla finestra. Ricordi? “Ti amerò sempre”. E tu, ma lo facevi spesso, quei giorni, tacevi. Sapevi che era mio l’azzardo.

Eri innamorata e intimorita, più che di me, della mia visione del mondo. Dicevi che io mi sporgevo pericolosamente in fuori dal balcone dell’ovvio fin quasi a precipitare. “Non mi importa. Va bene così.” Rispondevo. Il tuo amore sfidava l’assennatezza dei tuoi giudiziosi dubbi.

Ti amerò sempre pone l’enfasi sul tempo perché ci sono stati d’animo così sconvolgenti che non si sanno contenere e ‘sempre’ è una quantità di tempo corrispondente a quel sentire. E in quel presente c’è tutto quel tempo. E tutto quell’amore.

E so che capisci cosa intendo se dico che, davanti alla finestra, a fumare -mentre ti sussurravo certe esagerazioni- tuttavia sentivi salire dalla stiva l’odore della verità e il profumo di petrolio.

Certe frasi eccessive e ingiustificate hanno l’effetto di toglierci dal mondo, non per ucciderci, ma proprio portandoci altrove.


Tag:

Categoria:

io pregherò il cielo
luna di marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.