non era troppo volere tutto

14 Settembre 2019 Lascia il tuo commento

Quando se ne andò la felicità familiare io non gridai. Non mi opposi. Fu rastrellata dalla milizia parentale trasformata in una coppia di armigeri irriconoscibili durante una notte di un litigio feroce freddo e inesorabile.

Capii subito che si sarebbe ripetuto. Cominciai a sapere. Ma fu una falsa conoscenza la riflessione su abitudini insensate come fossero il dato di un latente universale.

Bisognava separarmi da loro. Strapparmi via da là. Sarà stata la delicatezza dei tuoi categorici no a farmi ricreare che non tua era la cattiveria. Che volermi tutto per te non era troppo.

Che potevo essere tuo dopo essermi riappropriato dello sdegno per il dolore inutilmente subito.

Diventai io stesso padre del figlio differente da me che chi ci ama pretende sempre che entri in gioco nei giorni dopo il primo bacio.


Tag:

Categoria:

teste calde all'equatore
perdite e ritrovamenti in aere celestiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.