l’invenzione che svuota il vuoto

17 Ottobre 2020 Lascia il tuo commento

foto

vieni da ieri

(collezione animata)

 


Solo in natura uno spazio vuoto è il calco di un uguale spazio pienato di materia.

 

Nella mia mente il vuoto è mancanza di te. Pienezza del passato. Nostalgia sapiente.

 

Dico ogni giorno che tutto fu vero ieri. So pensare soltanto quello che non è più. Ti sfioro ogni mattina la schiena nuda e non sei qui.

 

Mi oppongo al vuoto con la ricreazione di noi. Il nulla è nulla di fronte a un’opera d’amore*.

 

(*Quel tanto d’aria tra la donna e l’uomo quando si fa cadere come un velo per stare accanto senza esitazioni.)

 

L’arte di tutti i giorni è corpo visione e sapere.

 

Contro ogni previsione divina l’uomo vede e vola. Ha finito di dar nome alle cose create da dio.

 

Si fa il mondo da sè. I nomi delle cose che immagina risuonano nel dopo. Nello spazio cavo di quello che va via.

 

Buongiorno amore. Torna da ieri. Vieni dal nulla. Svuotami il vuoto.


Che io possa avverarmi grazie a noi l’invenzione finale d’esser vivo.


Tag:

Categoria:

la nascita assolve
il pittore e la modella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.