l’assedio della tua pazienza

28 Agosto 2020 Lascia il tuo commento

C’è un momento in cui tutto sta per cominciare.

 

È la vitalità alla base del gesto creativo che trasforma la biologia del movimento, che muove le cose esterne, in fantasia che sa realizzare figure di oggetti non ancora conosciuti.

 

L’invidioso, angosciato da questa creatività, cerca di distruggere la bellezza delle cose create e i meccanismi del pensiero dell’artista che presiedono le attese implicite alla creazione.

 

Allora noi, di fronte a certi sorrisi di odio, corriamo il rischio di diventare anime senza corpo. Il corpo che svanisce è dolore senza causa e male senza ragione.

 

Bisogna avere la ventura di imbattersi nella ‘sessualità’ di un corpo che fa germogliare da terra forme che scalano i muri per liberarsi della rabbia del possesso.

 

A volte questo penso:

 

“Le tue mani conquistarono il castello con un assedio di insospettabile durata, grazie alla irresistibile pazienza di cui sei capace. Che io patisco da sempre, in silenzio. Che ho imparato a patir meno: in ragione della bellezza che tu sai fare ogni volta.”


Tag:

Categoria:

scandali
concorso per una campagna pubblicitaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.