l’arto fantasma di un amore assente

15 Ottobre 2019 Lascia il tuo commento

L’amore che non ho avuto è un arto fantasma. Aaaaah che  duole giù nel buio del letto. Una vita sprecata che invade di crepe scheggiate la vita che resta. Il Furtivo. Il Sottrattore.

Gambe e braccia fantasma sono progetti falliti. Arti protési illusionisticamente in fuori. Parti di me strappate al futuro.

A volte un rapporto corregge la rappresentazione. La presenza incarna il vuoto del quasi nulla di aspettative troppo timide.

Se devi individuare un merito dici che è stata la puntualità di lei che ha ricondotto la mandria ruminante del tempo nel recinto di idee plausibili.

Il margine che circoscrive queste frasi nuove è aleatorio. Non trovo la verità sul bordo. Ma con una nuova visione mi incammino a traversare.

Dunque, alla fine, si è alzato il canto sublime di un amore possibile. Una colonna si generava dalla terra. Bruno e bianco mischiati. L’illusione di un arto che non duole. Simile nella forma cilindrica. 

Il benessere si è imposto per somiglianza. Emergenza e soccorso. La sirena di un miracolo graffia il foglio. Il chiaroscuro riempie l’amputazione.

L’amore incarna l’arto mancante. Posso strofinarci la medicina. Incidere. Grattare via il bruciore. Curarmi crudelmente. Vendicarmi dell’assenza.

Tutto è bene a questo punto. Anche la pretesa di non tornare più indietro. Tanto chi non ci ama ci metterà sempre in difficoltà. Senza volere.

E allora come potremo presentarci in società neri di vergogna provocata da quell’imbarazzante superflua infelicità. 


Tag:

Categoria:

edilizia sentimentale
anime chimiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.