inni, cantate e un coro a conclusione

27 Novembre 2019 Lascia il tuo commento

Tu: ‘Chi giura incontra dio. Che tu abbia vita eterna, perché sei in me’.

Io: ‘Se si nomina l’amore si evocano gli anni perché l’amore ci porta a compimento’.

Tu: ‘Sei in me, non si torna indietro. Beffardo è l’amore perché siamo soltanto scampati al peggio’.

Io: ‘Ma tutto si presenta. Tutto avanza baldanzoso. Sono in noi schiere di bimbi’.

Tu: ‘Gli anni illustrano la tua fronte e i dubbi svaporano dalle tue dita. Devi vivere tu che stravedi per me’.

Io: ‘È un inno il precipizio. Una cantata le giornate che avremo. L’amore è un coro’.

Tu: ‘Eccomi. Capisco meglio i tuoi intenti. Non è più penosa la realizzazione’.


scoperte di carattere programmatico
il tempo che torna cambiato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.