Inclinazione naturale

21 Settembre 2013 Lascia il tuo commento

 

volo dorato

“Amare Tutti Gli Aeroplani Che Volano In cielo”
©claudiobadii
QUADERNI

Buongiorno. Una voglia. Mortificata risplendenza posata sul tavolino. Rosso a denominazione d’origine. Lettere. Un’idea addosso. Soggetto esile e vinomondo. Ti scrivo traendoti qui. Per l’angolo del gomito. Piega di grazia della giacca leggera. “Sapessi….” accenno, per sedurti una volta di più. Non rifiuti mai. Me. Vantaggi. Strada. Solidarietà solidale. Dal tavolino-terrazza. Ville come cubi. Inimportanza. Guarda la picchiata tu. Amare tutti gli aeroplani. Macché flusso di coscienza. Bio-logistica del pensiero. Volumi. La mente al cemento. La nobiltà pionieristica. Carrozze leggere della medicina campagnola. La missione dei dottori sulle mulattiere, che grazia dentro la scienza il fango!

Carrozze voluminose. Con la compagnia degli attori le fanterie teatrali. Tutto ruoterà attorno ai fianchi della primattrice. Mattinate da impresari. Pianali del fornaio. Assi delle carrozze galleggiano sui solchi. I calcagni sopra il fango. Oggi l’acqua delle fontane. Pronuncia di soddisfazione. “Stasera… stasera…” promettendosi la recitazione. E dopo l’infinito nero. Prova a pensare. Gli ‘sperimenti primonovecenteschi senza rischio di fatica. Begli scienziati ai tavolini. Ménto ai palmi. Occhi al vento. Sopravvolano le incertezze. La scienza si libera dell’invidia. “Amerai più d’ogni cosa gli aeroplani in cielo. Sarai privo di follia di perfezione” quello che nessuno mi ha detto mai neanche provato. Nessuno che avesse il linguaggio somatico per esumare fiducia.

Negli hangar la prassi di sostentamento. Subito fuori Casablanca. Nel fumo del protagonista la diva ha l’impressione che il tempo si interrompa. Un pensiero irreale. Si tratta solo di spazializzazione. Trasmutazione frettolosa di natura. Bio-logistica differente da prima. Presidio del nulla e malattia. “Amare tutti gli aeroplani in volo. Azioni moralmente neutre”. Invece lo ‘sperimento del pensiero de l’esaurimento del tempo. La non rappresentabile velocità della luce è la conoscenza esatta da opporre allo spiritualismo della filosofia. Velocità proveniente dalle lampade del soffitto.

Il tuo sorriso possiede chi guarda. Perché possiede la piega aggraziata di un gomito ai boulevard. E’ lo spigolo acuto del cassettone di biancherie in dote contro la noia ossessiva delle preghiere, che ferisce il fianco nel viaggio notturno. Ho in me la sensibilità ai sorrisi femminili in vece di ‘dio’ cosicché subisco la sopraffazione delle scienze naturali.

Come tu involontariamente ma non inutilmente conservi dentro le fibre muscolari una elegante contrattilità che conferisce alla tua intera esistenza come una apparenza di camminare alla cieca. Invece arrivi a tentoni a chiedere. Le braccia avanti. Un sonnambulismo essenziale. Ecco. Capisci. Insonnia provocatoria. Mi fa felice la tua presenza che richiama sempre da quando ti conosco la ammirevole e coraggiosa vita di Madame Curie e lei aveva venti grammi di polonio sul comodino.

In relazione a questo dato storico nella compagnia dei girovaghi si tenta di recitare le seguenti parole appena sfornate dal capocomico: “Ebbe in dote luce e consunzione” cominciano a mormorare gli attori. Femmine e maschi. Fermi al margine di strada fiume e bosco. I cucchiai alle labbra. I volti illuminati dai passati di patate e cavoli. I passati di verdure che sostentano il mondo. Altro che! Un vero amore di donna vederti pensare. Fughe dalla morsa di Van Gogh. Campi a perdita d’occhio. Il rinascimento che cade ormai a pezzi.

Nelle case di Renzo Piano che hanno forma di foglia rintraccio il tocco delle mani sporgenti flessuose sulla spalla del vicino di sedia. L’amore è straripante come dato osservabile. Una distesa di amanti dovunque si guardi. Farne parte è stata una sortita non casuale. Lo devo ad una inclinazione naturale a studiare. Di cui godo la rendita. La morte dell’occidente si svolge progressivamente nel continuare a camminarti al fianco.

 


la distanza tra Roma e Algeri
il regno oceanico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.