il mio lavoro spiegato alle persone amate

17 Febbraio 2014 Lascia il tuo commento

 

image

“DIALOGHI”
copyright: claudiobadii

Figli miei. Lontano da una speranza di cristianità porta la ricerca. Non ha troppe consolazioni. Certezza di comprensione ‘umana’ come si diceva, ricordate…. sperando di trovargli una sistemazione a questo termine qualificativo e terribilmente scontato nel linguaggio quotidiano. Ma niente. Ho abbandonato la speranza della facilità. E anche la poesia. Non poesia l’elemosina delle noci. Linguaggio non è detto che debba voler significare un oggetto. Poesia non è un viandante commovente. È un disperso. Il linguaggio al contrario non ha alcuna tendenza. E dunque voi non fatevi cogliere ad indicare alcunché. Non indicate, semplicemente. Il respiro comanda, dico io. La mano sul torace è imperativa. Ricordate sempre i vostri amanti. La ricerca in questa prassi medica scopre come fare certe pause. Se il discorso è troppo serrato -quando tra voi cambia qualcosa- è allora che la frequenza cardiaca misurata alla base del collo si trasforma in una modesta fame. Ecco, durante il lavoro, per farvi capire, nei contrattempi di quel tipo scatta la mia involontaria riflessione su di me. Si interrompono attenzione e successione. È quello che io definisco diagnosi tramite il contro transfert ed è quello che mi aiuta a orientare un certo sospetto diagnostico o uno diverso o un altro ancora. Non serve averne a disposizione troppi. Tengo le mani sul mio petto. Sono solo. Lavoro solo. Nella mente la traccia di tanti anni fa. Essa unisce primo e ventiseiesimo anno. E quelli al sessantacinquesimo. Sono archi. Costole di storia che tengo e cullo con la pressione invisibile dell’interno delle braccia. Come ieri ‘lei’. Uso spesso l’idea di un amore addosso. Uso avverbi di tempo differenti per disseminare la stanza con zolle d’erba e altre coltivazioni. ‘Ieri’. Oppure ‘subito’.

Davvero non è il pianto dopo il parto a originare la vita del pensiero. Quando esplode il grido la mente è già nata. Respirare ha il soggetto e dopo il taglio chirurgico di disgiunzione dalla donna ognuno dei due, lei e il neonato, ci si tiene il proprio sangue per sé. Anche se la vita dell’una si allaccia al filo della vita dell’altro perché nessuno più dei due potrà essere libero per molto tempo. Ma, che importa! Deve compiersi la gravidanza dopo il parto. Noi si viene al mondo a completare uno sviluppo intra uterino che nella nostra specie è interrotto dal parto a causa di un ingombro eccessivo di spazio nel ventre. Così, per un anno almeno, unici nell’universo, gli esseri umani vivono in dipendenza assoluta da tutti. Unici, d’altro canto, hanno una assoluta responsabilità di un altro e della sua fisica inettitudine. La condizione neonatale non ha la coscienza, e si capisce, non gli serve. La coscienza non darebbe la conoscenza della relazione che si sviluppa nel ‘ventre’ nuovo di braccia ed aria che ci accoglie fuori dall’utero. L’uscita trova la luce ad accogliere e dare la nascita del pensiero. Nella modalità della biologia il primo anno si svolge allentando l’abbraccio serrato della gravidanza, senza sciogliere il legame nell’abbandono all’aria e alla luce che risulterebbe mortale sia per il corpo che per l’io neonatale. Accosto e discosto il mondo compone ombre, respiri, cavità, prominenze, vibrazioni. Le aree e i volumi sono percepite in unità di distanze che sono frazioni di un passo. In quello spazio così tracciato si completa la maturazione delle funzioni delle autonomie comportamentali. Mentre, paradossalmente, il pensiero cresce di più e -invisibile- diventa quasi geniale. Come se, quei fili intrecciati di due vite non più libere per tempi lunghissimi, sviluppassero, in tale condizione estrema, competenze di un legame sconosciuto nel regno animale. L’in-potenza che trova la pazienza è l’acqua e la farina. Il tempo del fuoco il primo anno del regno che costruisce un pane ovale irregolare. Panificazione dunque, non poesia. Panificazione e vinificazione. Macinazione e rotolamento. Cottura e riscaldamento. Combustione fiamme e voli su per l’aspirazione dei camini. Sospensione. Trasvolate di fiammelle in totale sicurezza. Afferramento. Tenuta. Conferma. Interruzioni dolorose come un singhiozzo. E ritorni uguali ad una terapia. Soluzioni. Uomini rossi e uomini neri. Figure della mente senza ancora un linguaggio verbale. Il non interpretabile mondo di dentro vive per anni in assenza di pratiche corrispondenti. E così, grazie alla costrizione a capire meglio cosa sia il pensiero per tentare di interpretare i sogni posso concludere, provvisoriamente, che gli altoparlanti sulla folla sono i tuoi occhi figlio mio irresistibile e mia docile figlia. Ed io sono il cantante ammutolito. Ascolto. Così voglio spiegarvi le parole che studiavo e mi indicavano che avrei dovuto restare, per anni, ma voleva dire per sempre, in un atteggiamento aspettante e silenzioso di contro transfert. Ma mi sono liberato quel tanto che mi consente di scrivere. Dedicarvi un pomeriggio per dire che ascoltando capisco della vita mentale un sacco di cose indicibili per la loro delicatezza, più che per il loro orrore, come avevano minacciato i teoretici. Quello che mi appare mi lascia senza parole. E anche voi comparite e viene da dire che le storie non sono mai tutte uguali. E certe sono più belle e altre più brutte secondo l’applicazione e le distrazioni. Questa di certo poteva essere una storia peggiore. Il contro transfert si basa sempre sulla capacità di tacere per riconoscenza di quanto non si sia fallito. Si ferma su quel limite. Che è il confine dell’area della competenza di un medico. Che non è infinita. Non c’è l’infinito nell’uomo anche se c’è l’incessante. Ho l’allegria di un pomeriggio. Ho la scaramanzia dello studio che deve proteggermi dall’invidia dei mostri. E cito un erudito che racconta la caratteristica del pensiero di Giordano Bruno. La sua idea di introdurre nella riflessione filosofica cinquecentesca l’infinito dell’universo, e l’infinità dei mondi. Dunque la denuncia della menzogna filosofica nell’invenzione di un dio che si fa uomo che facendo quell’uomo di quella strana duplice sostanza fa la natura di un mostro. Solo ieri mi pareva fosse sufficiente, per restare aderente ad un dignitoso riflettere, dire di un ragazzino zoppo (…dicendo così qualcosa del senso etimologico del mio stesso nome). E oggi, invece, guardate voi!

“Il mostro. Il Centauro. Così impossibile è la loro natura fantastica. Così nello stesso modo fantasticata e impossibile e non esistente (cioè filosoficamente non plausibile) è la natura di Cristo. Dunque, a causa della certezza della natura fisica infinita dell’universo il figlio stesso di dio voluto così dal padre è impossibile mostro né ben fatto nella creazione, tanto meno creatore di sé. Impossibile la consistenza dell’Infinito nel finito, di dio in quel figlio. Così Giordano Bruno è il più anti-cristiano dei pensatori rinascimentali. Mentre Erasmo dice che le origini della fede cristiana erano buone, Giordano Bruno dice che il cristianesimo è corrotto alle radici. È, Cristo, cattivo mago e sacerdote.” (“Giordano Bruno e la Filosofia del Rinascimento” – Conferenza di Michele Ciliberto. Fondazione Collegio San Carlo)

 


paleoantropologia e ricerca in psicoterapia: l’amore e le nostre reali possibilità di regressione
piano player

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.