fotografi

26 Ottobre 2011 Lascia il tuo commento

la questione morale

 

fotografi

: asciutti nel corpo come acciughe e poveri del dopoguerra, torniamo così  a contare con le mani la sabbia tra le canne, le dita sono stecchi, la nostra relazione un amore tra monaci, ci siamo ritirati alla deriva, dovevamo toglierci dalle spalle gli uni gli altri, la felicità ci ha presi scendendo verso la terra col movimento grifagno della mano della cercatrice di patate, lascia i fianchi scoperti e viaggia senza retroguardia. perché le garanzie hanno un valore di mercato sproporzionato, sei tu il flusso economico, la portiera di lusso della mia Rolls, io intanto ancheggio provocante con il mio culo sgraziato, scommetto sulla crisi estetica, tu sei interna invisibile, una macchia elettrica irregolare sulla retina, la mia anima una oscura camera per fotografie di giovani coppie al mercato, di soldati pronti a morire alla guerra, foto sul ciglio della vita e tu che splendi come una medaglia al valore, adesso, quasi senza respiro, accucciata alla parete.

: il nero delle camere oscure ed il buio attenuato degli stanzini di sviluppo e stampa non sono l’istinto di morte, non esprimono la pulsione di annullamento, al fondo estremo sviluppano l’immagine, oramai.

: la pulsione è scoperta, il mezzo fondamentale che descrive la fisica dell’amore, una delle possibili formule della precipitazione degli scontri non dialettici e felici, il lavoro umano deve mettere la punteggiatura, i monaci si occupano dei flussi di coscienza, delle maree, dei ricordi involontari, delle conseguenze, degli orfani, del disegnare esattamente i campi dopo il raccolto, del non avere tempo per te, della ricreazione del tempo che appassionatamente ti sottraggo sempre. ….

: “non è possibile arrestarsi a meno che non voglia che muoia…”

: le tracce scompaiono, tu sola potresti immaginarmi che avanzo come fossi là insieme a te, asciutti nel corpo, a chiudere il cerchio per disegnare lo zero per le squadre di soccorso, l’anello di benzene, il serpentello inconcludente, la certezza irrazionale che renderebbe umana la vita nostra.

: “…buongiorno  ”

[banner size=”468X60″]

[banner size=”468X60″]


Tag: , ,

Categoria:

"if you go away" o un aspetto della vita umana
oche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.