essenzialità

29 Maggio 2020 Lascia il tuo commento

foto

un manifesto

(collezione privata)

Questo è un segno di lealtà. Non ho mai cambiato alcun intento. Come ho amato dal primo giorno il tuo nome. Puoi fidarti. Dovresti. Di uno che è testardo. Operaprima resta.

Oggi, un poco commosso, ho trovato su un manifesto strappato tracce di te e di me ma è un sogno.

Per chi scrivevo?

Ora aspetterò che tu mi chiami. E riconosca le nostre calligrafie differenti. Come sempre.

Tuo.


Tag:

Categoria:

criteri di fiducia*
la grande confusione all’Ufficio del Nuovo Catasto Urbano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.