convulsioni

17 Febbraio 2020 Lascia il tuo commento

Come la miseria l’amore può arrivare improvviso. Bisogna aprirsi allo scandalo, all’inciampo di un amore inatteso. Io alla tua vista sono precipitato. La statua si è spezzata. Oggi, a distanza di anni, mi cospargo il corpo di polvere di marmo. Bianco come una statua il mio corpo che tu hai benedetto si agita convulso. Le chiamano interpretazioni. Sono pietruzze lungo l’unico discorso possibile. Quello che resta di uno che ha escluso ogni opzione che non sia il sentimento per una donna.


Tag:

Categoria:

amare, desiderare, essere
risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.