constatazioni d’amore

11 Aprile 2020 1 Commento

I sogni dalla pandemia in avanti non forniscono nessun indizio. Non si hanno parole adatte tanto meno verità scientifiche. Gli schemi sono maschere.

‘Non sembra vero che tu stia con me’ dico. ‘È una fortuna’. La parola fortuna non è qualificante. Vuol dire che ora l’amore trae forza dalla sua medesima piana constatazione.

Poi si fa a meno di quasi tutto. Quello che resta dopo la pandemia è la retroguardia di successive differenti circostanze che non sappiamo immaginare.

Che sia il tono sentimentale, o un’altra forma di constatazione, risulta chiaro che una scelta, sia pure trascurabile, è l’ingresso in un mondo nuovo.

Così accade perché si sono perduti gli strumenti delle predizioni. Per il terrore. Per l’ingresso del fine vita nei giardini. E per le insonnie in appartamenti altrimenti sicuri.


Tag:

Categoria:

quarto stato
luogo e data di nascita

1 commento

  • Gm says:

    Fedeli ad un amore pregustiamo già all’alba l’odore del caffè.
    Esercitiamo con cura piccoli consueti riti quotidiani di bellezza.
    Quanto più ti penso bella tanto più la tua attesa mi pare infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.