comunione blasfema

10 Febbraio 2020 Lascia il tuo commento

“Cosa è una grande visione? In che consiste la grandezza? Nella forza del silenzio perché ci siamo placati? Nella superbia muta di esserci presi tutto? Nella voglia aumentata dopo aver soddisfatto la voglia da cui derivava? Nella prepotente decisione di ripagare l’amore che non volevi con la precisa volontà di assecondarmi? Nella fulminea sintesi elettrochimica che pensa: possiamo!….?”

Così, io.

E tu, invece:

“Nella divisione di un pranzo fugace.”

Intanto apparecchi. Ed il tuo è diverso dal mio. L’acqua uguale fino in cima ai bicchieri. E la fame si nutre di pane che fa a pezzi la fame che muore. E sgranocchi domande. E ti ungi di olio e parole. Ti cospargi di sale. Mi pieni la stanza di te.

Mentre bevi il caffè: 

“…poi, lo sai(*).. devo andare”


(*): So che sai che ti amo: è abbastanza. 


lo stato delle cose
la pioggia che ci distrae dalle abitudini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.