Colpiti dalla morte di Massimo Fagioli

17 Febbraio 2017 Lascia il tuo commento

Colpiti dalla morte di Massimo Fagioli abbiamo pianto durante le sedute di psicoterapia di gruppo del mercoledì. Altri che non erano fisicamente presenti mandano parole di inaudita dolcezza per consolarmi del dolore che mi costringe a piangere ancora.

Cosi il pianto toglie l’imbarazzo dell’amore nell’essere vicini e le parole di inaudita dolcezza portano, da chi è lontano, le lacrime solitarie ai miei occhi per una azione neurochimica per cui l’affetto diventa secrezione di ghiandole delicatissime.

Sono paradossalmente felice che tutti coloro che amorosamente ho aiutato ad essere più vicini a se stessi adesso per una proprietà transitiva dell’amore siano tutti così tanto vicini a chi ho amato.

Ora so per certo che la ricerca per molti di loro potrà essere percepita necessaria “fino alla fine”… senza che questa proposizione suoni mai più come una minaccia di dipendenza o una promessa impossibile da mantenere

 


Tag:

Categoria:

I grattacieli della mia città e il volo trascurabile degli insetti
quesiti senza risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.