città bunker

13 Ottobre 2019 Lascia il tuo commento

“Quando al secondo anno affrontammo il funzionamento dei meccanismi di difesa e scoprimmo, con stupore, la forza di quella parte della nostra psiche, cominciammo a capire che se non fossero esistite la razionalità, la sublimazione, la negazione -tutti quei trucchi che ci concediamo- se invece avessimo osservato il mondo senza alcun strumento di difesa, con onestà e coraggio, ci sarebbe scoppiato il cuore.

Durante queste lezioni scoprimmo che siamo costituiti di difese, di scudi e armature, che siamo città con un’architettura fatta da mura bastioni e fortificazioni: praticamente degli Stati bunker.

Ci sottoponemmo l’un l’altro a test, questionari ed esami di ogni tipo, e dopo il terzo anno di università riuscii a dare un nome a ciò che mi faceva stare male; era come aver scoperto il proprio nome segreto con il quale si affronta un’iniziazione.”

(“I vagabondi” – Olga Tokarczuk – Bompiani 2019 – pag 15)


Tag:

Categoria:

unità di valutazione
stillicidio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.