amare, desiderare, essere

18 Febbraio 2020 Lascia il tuo commento

Irremovibile muovevo le montagne. Tu mi portavi dal cuore del vulcano un pugno di lava. Leggero che quasi respirava. Per osmosi mi svuotavo. Diventavo secco come un avvoltoio. E distratto. Solo gli occhi mi rimanevano vivi, di smeraldo. Nel cranio rinsecchito un unico pensiero. Che tu mi avresti amato, cioè, intendevo, avresti desiderato essere ‘me’.


a un anno dalla nascita
convulsioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.