al cuore della casa

20 Marzo 2021 Lascia il tuo commento

Le labbra serrate, il disorientamento, la vertigine, i pallori e la polvere secca delle macerie che imbianca sulla mia bella giacca blu.

 

A settentrione e a meridione troneggiano agglomerati di torri e tetti e guglie residui dei fasti d’una vita in comune mentre nei muri degli orti regnano indisturbate icone e campane.

 

Quel bronzo e quelle vernici sono testimoni di una storia interrotta e araldi annuncianti ben ‘altro’. Ma non ancora voci. Solo stampi di antichi affreschi e rintocchi sospesi.

 

Donna e uomo, perfettamente immobili  nella sabbia di polvere, trattengono in mente intenzioni mute che sbaglieremmo a pensare ‘parole’ e invece sono rosse madonne sistemate negli angoli piu intimi di un’isba.


Sono idoli di salvezza dalle quotidiane infelicità cui portiamo l’amore, in forma di un cuore sproporzionato, a ripararsi dai malefici, a scaldarsi al petto di quelle dee ogni sera di nuovo incendiate dall’ombra che sale sul muro.

 

(E pensare che solo* ieri leggevamo come sia che gli orientali depongono ceramiche d’oro al cuore interno della casa affinché vengano tinti dal sangue della luce che muore per arrivare fin là lasciando frammenti di vita ogni volta che traversa ciascuna delle sottili pareti di carta di riso….!)


(*)nota: ahimè, solo ieri è già troppo.


Tag:

Categoria:

e però
occasioni per imparare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.