19 Gennaio 2016 Lascia il tuo commento
minimalismo erotico metafisico

minimalismo erotico metafisico

Minimalismo erotico metafisico. Avvicinarsi alle cose difficili fino a che non diventano facili. Rischiare di ridursi all’estenuazione accoccolati sul marciapiede nell’angolo del palazzo che stringe la prospettiva. E non fuggire, anzi, sfruttando le fughe percorrere centellinando i millimetri, contare uno ad uno i pigmenti delle rosse molecole di sabbia impilate su altre molecole.

La notte sgranare gli occhi sulla parete della cattedrale di buio, pregare con il rosario della tua pelle sotto le dita. Una sfoglia di passi leggeri protegge le piante dei piedi da scorpioni e serpenti sommersi sotto la superficie del mare di sabbia.

Sebbene sia infinito l’orizzonte sotto lo sguardo senza ostacoli, non è questa la tela dei noti esterni dei pittori metafisici. Il cielo notturno sul deserto di nero lattescente è una solitudine di grado inferiore che non si avvale di manichini ciechi o di ombre di edifici vuoti o di treni su viadotti desolati.

C’è una solitudine non disabitata tra le dune. Nelle valli d’ombra si intravedono le silhouette allungate di futuri abitatori.


quello che la parola deserto porta in dote
friggitoria in un posto di mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.