lampedusa

25 Marzo 2011 Lascia il tuo commento

lampedusa

Lampedusa 22 marzo 2011 “ Noi non cerchiamo ricchezza cerchiamo la libertà.” Già già e si piange senza farsi notare. L’appiattimento sarebbe la cosa peggiore allora gli occhi al cielo per fuggire all’urto delle sirene della polizia e lassù un puntino che cammina. Qui diventa un gabbiano da catturare nelle celle al silicio dello schermo ipertecnologico: due milioni di pixel per unità di superficie: unità microscopiche. Impensabili. Ormai la lotta contro l’appiattimento si fa con frammenti di materia così piccoli da essere difficili da rappresentare quanto le azioni mentali che sostengono successivamente e contemporaneamente le idee da scrivere. Gli affetti da dichiarare. L’unico amore che è tutto: insomma milioni di pixel anche lui per singola unità di spazio da traversare per arrivare fino a te. Sulle spiagge dell’isola il paradosso di Achille e la tartaruga, le frecce al cielo che, pur non potendo mai arrivare, invece uccidono: una metafora per dire ‘mi sono innamorato’.  Cupido e quelle cose là. Mica storie. Zenone: non è che mentiva, a modo suo ancheggiava e illudeva chi voleva farsi un giro per sfuggire la realtà. La metafisica non ha prove. L’amore è un astrazione. Spesso il pensiero filosofico è irreale e basta.
Dunque Lampedusa, ma poi anche l’uscita di un libriccino “Odio gli Indifferenti” (A.Gramsci – Chiarelettere editore). Leggo come se un’amore mi prendesse la mano come piace a me, che non l’ho mai saputo spiegare e neanche chiedere, a dire la verità. “La fatalità che sembra dominare la storia non è altro, appunto, che apparenza illusoria di questa indifferenza di questo assenteismo.” Faccio un legame improvviso, una pensiero di chiarezza assoluta: il tempo non è mai passato, non si era mosso, sembrava. Anche il tempo è illusorio, anche il tempo può essere assunto a terreno di seminagione del destino e dunque, appunto: Lampedusa 22 marzo 2011 “ Noi non cerchiamo la ricchezza cerchiamo la libertà.” Già già e si piange di nuovo, e di nuovo senza farsi notare. Non si è mai smesso di commuoverci dunque. Non si sa quanto lo spirito assoluto sia irrealtà. L’amore è un’astrazione. Il pensiero filosofico è diverso dall’astrazione: se l’astrazione è il processo di formazione del pensiero, tuttavia a volte il risultato è una irrealtà e una inesistenza. Invece l’astrazione del pensiero potrebbe fermarsi ad uno stato fisico della materia, realizzare un cambiamento. Ricchezza. Libertà. Non è filosofia è pensiero e rende necessarie due altre azioni mentali: distinguere e rifiutare. L’astrazione porta di nuovo alla realtà della scelta. “L’indifferenza è vigliaccheria. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia” (ibid.)


la tana del jazz
metafisica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.